Dal 12 gennaio i servizi fiscali online dell’Agenzia delle Entrate e dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione potranno essere usufruiti anche accedendo con la Carta d’Identità elettronica. Lo ha comunicato la stessa Agenzia con un’apposita nota, con la quale si conferma il via livera all’utilizzo del documento per chi non possiede le credenziali dei servizi telematici delle Agenzie (ossia Entratel o Fisconline) oppure di Spid.

La possibilità di autenticarsi tramite la Carta d’Identità elettronica (CIE) è infatti prevista dal Codice dell’Amministrazione digitale alla quale hanno aderito le due Agenzie, insieme all’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato e Sogei, con lo scopo di accrescere l’utilizzo dei servizi fiscali online.

Nella nota l’Agenzia sottolinea come lo scorso ci siano stati 47 milioni di accessi al cassetto fiscale delle Entrate e all’area riservata di Agenzia Riscossione e che, sempre nel 2020, attraverso i servizi delle Entrate (ossia il sito www.agenziaentrate.gov.it e l’app Agenzia Entrate) siano stati:

  • inviati 22 milioni di 730
  • registrati 3,7 milioni di atti pubblici e di contratti di locazione (questi ultimi pari all’85%) del totale)
  • inviate 500mila dichiarazioni successioni (ossia più del 90% del totale).

Le alternative ai servizi online

Le Entrate hanno poi ricordato ai cittadini che possono ricevere assistenza sui servizi anche tramite il Contact Center di Agenzia delle entrate-Riscossione (al numero 06.0101), oppure scrivendo agli indirizzi di posta elettronica attivati dall’Agenzia proprio per le situazioni di emergenza.

Tutti i canali a distanza sono da considerarsi preferibili rispetto agli sportelli (che rimangono aperti su appuntamento), per tutta la durata dell’emergenza sanitaria in corso.

Carta d’identità elettronica valida anche per i professionisti

Autenticandosi con la CIE, in caso l’utente identificato sia stato precedentemente incaricato da un’impresa, da un professionista o da un ente non commerciale ad operare per loro conto, oltre che per se stesso, potrà scegliere di operare per il soggetto che ha fornito l’incarico.

In caso l’utente identificato con Carta d’Identità elettronica sia già registrato ai servizi fiscali online, potrà utilizzare i servizi dedicati al proprio profilo, come il cassetto fiscale delegato o i servizi catastali Sister.

Infine, gli intermediari abilitati ai servizi Entratel potranno utilizzare la CIE anche per l’accesso a Equipro, la sezione del sito di Agenzia delle Entrate-Riscossine dedicata ai professionisti che devono gestire le posizioni dei propri clienti.

Photo credits: Il Sole 24 Ore – www.ilsole24ore.com